Stampanti 3D

Area Riservata

SUPPORTO TECNICO

In questa pagina sono disponibili i link da cui scaricare tutti i documenti e gli aggiornamenti del software che Robot Factory mette a disposizione dell’utente; una serie di documenti e Note Tecniche di fondamentale importanza per un’acquisizione completa delle corrette procedure per utilizzare il sistema di stampa e per una buona padronanza di tutte le fasi del processo di stampa 3D.

 


   AVVISO agli utilizzatori del modello 3DLPrinter.

Poichè esistono notevoli differenze, sia nel Proiettore che nel Firmware, tra il modello 3DLPrinter e i successivi modelli 3DLPrinter-HD e 3DLPrinter-HD 2.0, non tutti i contenuti di questa pagina sono validi anche per il modello 3DLPrinter.

Ai possessori di 3DLPrinter si consiglia di contattarci (via mail) prima di eseguire qualsiasi azione descritta in questa pagina. In particolare, la sezione “AGGIORNAMENTO DEL FIRMWARE” assolutamente NON è valida per il modello 3DLPrinter.


ISTRUZIONI PER SBALLARE LE STAMPANTI:

Questi che seguono sono i link per scaricare le istruzioni per sballare il pacco che si riceve quando si acquista una delle nostre stampanti 3D, consigliamo vivamente di seguire le istruzioni riportate in questi manuali:


MODULO RICHIESTA ASSISTENZA (Luglio 2014)

poichè abbiamo riscontrato molte difficoltà a fornire assistenza, in quanto le mail che ci vengono inviate, il più delle volte mancano delle informazioni necessarie a capire e risolvere il problema, nell’ottica di poter dare il servizio di assistenza migliore agli utilizzatori delle stampanti Robot Factory, è possibile segnalare un problema riscontrato nell’utilizzo delle stesse stampanti, esclusivamente compilando il modulo “Richiesta_assistenza” in tutte le sue parti.

Questo per consentirci di ricevere subito tutte le informazioni di cui potremmo aver bisogno per una prima analisi del problema e per eventualmente riprodurre il problema nel nostro laboratorio, laddove si renda necessaria un’analisi più approfondita del problema stesso.

Sottolineiamo che, nel caso in cui il problema è relativo ai risultati di una stampa, è molto importante che, oltre al modulo suddetto, ci venga fornito il file .stl utilizzato per la stampa ed, eventualmente, anche qualche foto dell’oggetto ottenuto in stampa, se invece il problema è relativo al software di gestione della stampante, oltre al modulo suddetto, è importante fornire gli screen shots (catture dello schermo) di eventuali messaggi ricevuti dal software.

Il modulo di assistenza utilizzabile per tutta la serie delle stampanti, è disponibile (in italiano ed in inglese) nel nostro server al link:

Si raccomanda di inviare sia il modulo, sia tutti gli eventuali allegati in un formato compresso (.zip, .rar, etc.) e se il file .stl oppure le foto sono molto pesanti, si richiede di non allegarli direttamente alla mail, ma di caricarli su uno di quei siti che consentono di inviare file di grandi dimensioni (per es. WeTransfer, etc.).

di caricarli su uno di quei siti che consentono di inviare file di grandi dimensioni (per es. WeTransfer, etc.).


 

NOTE TECNICHE dalla 01 alla 09 (compresi i file della Nota Tecnica 09)

L’utilizzo delle stampanti deve esser fatto da personale esperto, che ne ha compreso il funzionamento e può operare in modo sicuro.

La note tecniche sono disponibili al seguente link:

Consigliamo a tutti i nostri clienti di leggerle prestando molta attenzione.

 


 

LE NOSTRE RESINE (Gennaio 2015)

sono disponibili tre diverse tipologie di resina, sviluppate e prodotte per l’utilizzo con le nostre stampanti della serie 3DLprinter.

Un documento di descrizione e presentazione delle tre resine è disponibile accedendo al seguente link:

E’ molto importante leggere questo documento prima dell’utilizzo della resina, in quanto contiene anche un’indicazione sui tempi di esposizione necessari per la stampa.


KIT ADATTATORE (Novembre 2014)

Istruzioni per l’installazione del kit di aggiornamento, per l’utilizzo della Vaschetta HD 2.0 sui modelli 3DLPrinter e 3DLPrinter-HD:


ISTRUZIONI RICAMBIO SILIGEL VASCHETTA 2.0 (Agosto 2014)


ISTRUZIONI PER SOSTITUZIONE PMMA-UV CON VETRO (Settembre 2014)

procedura per inserimento del vetro sulla vaschetta della resina dei modelli 3DLPrinter e 3DLPrinter-HD:


ISTRUZIONI RICAMBIO VETRO BASE COSTRUZIONE 2.0 (Ottobre 2014)

Procedura per la sostituzione del vetro sulla Base di Costruzione della stampante, disponibile al link:


LUMINOSITÀ E CONTRASTO DEL PROIETTORE (Ottobre 2014)

procedura per la modifica della luminosità e del contrasto del proiettore contenuto nelle stampanti 3DLPrinter-HD e 3DLPrinter-HD 2.0:


FRATTURE O ‘CREPE’ (Maggio 2015)

Ci è stato segnalato da alcuni clienti che a volte sul pezzo stampato possono comparire alcune ‘crepe’ nella resina. Questo è un fenomeno che può presentarsi per vari motivi e con diversi effetti, a seconda delle cause che possono averlo provocato, ma in generale è dovuto al fatto che la resina utilizzata con le stampanti stereo-litografiche è costituita prevalentemente da un polimero fotosensibile ed un catalizzatore.

Al seguente link, è disponibile un documento che analizza il problema:


FUSIONE ‘A CERA PERSA’ DA MODELLI IN RESINA.

Questo il link da cui scaricare le brochure delle marche consigliate e le curve di temperatura consigliate dai produttori:

Da questo link potete scaricare la curva di fusione consigliata dal produttore del Plasticast
e la curva consigliata per ‘Gold Star Omega’, infine (Burn cycle.pdf) è quella consigliata da uno dei nostri clienti.

Un altro consiglio che si può dare è di usare un ‘distaccante’ per pre-trattare il pezzo prima di procedere al processo di fusione,  per esempio: PROCAD GRS, si può vedere dal link:

Inoltre dal seguente link potete effettuare il download di un documento, sui diversi risultati ottenuti dalla ‘fusione diretta’ dei modelli prodotti in resina con stampanti 3D stereolitografiche:

In esso sono molto ben evidenziate le seguenti conclusioni sperimentali:

– il risultato è influenzato fortemente da diversi parametri, tra i quali i principali sono la composizione del gesso, cioè il rapporto acqua/polvere, e il ciclo di burn-out
– il risultato può essere influenzato dalla collocazione degli oggetti sull’albero di fusione: in generale, il risultato è migliore ponendo oggetti leggeri (alto indice area/volume) in alto e oggetti pesanti (basso indice area/volume) in basso
– la qualità superficiale peggiora in caso di assenza di ventilazione nel forno.